Sparliamone... - Pagina 3718

Discussione iniziata da rabe il 13-04-2017 - 38920 messaggi - 1140483 Visite

Like Tree39331Likes
  1. L'avatar di flair

    flair flair è offline FriendMessaggi 3,202 Membro dal Jul 2015
    Località Ruttalia - Flairburg
    #37171

    Predefinito

    Ricordo da adolescente che noi ragazze eravamo costantemente bersagliate dai ragazzi - uomini che ci fischiavano dietro o facevano i cretini ma non è mai successo nulla, a parte un po' di imbarazzo da parte nostra.
    E' anche vero che non c'è mai stata volgarità, oscenità o maleducazione ... giusto quell'attenzione che ti fa salire un po' di autostima.
    Ora, nemmeno io ho seguito la vicenda, percui se le attenzioni da parte di quegli uomini è andata oltre il buon senso, scadendo nell'invadenza allora mi sembra giusto che ne abbiano avuto a male e magari abbiano avuto anche un po' di paura, anche perchè lo "scherzo è bello finchè dura poco" ... bisognerebbe analizzare il contesto in cui è successo il tutto.
    norge, Melite, Maslow and 4 others like this.


     
  2. Maslow Maslow è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,186 Membro dal Nov 2019
    Località Italy
    #37172

    Predefinito

    Ma se ha dichiarato ero uscita dopo tre mesi di casa e mi è capitato che questi ragazzi mi urlassero porcate... Una persona intelligente non ne fa un caso di stato sul nulla, ignora e basta... Scommetto che se quegli idioti fossero stati faccia a faccia delle ragazze e a b avessero trovato delle tipe toste si sarebbero cagati addosso consci della figura di m fatta... Ma è sempre meglio fare le vittime a sto mondo vero hafsa
     
  3. L'avatar di rakosi89

    rakosi89 rakosi89 è offline FriendMessaggi 3,021 Membro dal Jan 2016 #37173

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hafsa Visualizza Messaggio
    Mah, secondo me state mischiando pere, calamari e bulloni.
    Un conto è rivolgere la parola ad una ragazza, altro è provarci in disco da ubriachi, un altro è dire ad un estranea "Ciao bella" o fischiare e altro ancora è urlare oscenità ad una che passa per strada, non capisco come possiate considerare tutto alla stessa maniera.
    Chiariamoci, neppure io denuncerei, sarebbe una rottura di palle inutile, anche perché difficilmente verrei presa seriamente, considerando che già faticano a farlo con le denunce per maltrattamenti.
    Capisco però che se ad una succede continuamente ad un certo punto arrivi all'esasperazione e possa anche voler far valere il suo diritto a non essere importunata, perché sì, quello di urlare volgarità
    è un comportamento molesto.
    Poi oh, se per voi offese a sfondo sessuale (ma potrebbero essere anche omofobe, razziste o di qualunque altro tipo) sono accettabili e uno deve sopportare in silenzio perché tanto c'è di peggio, ok, abbiamo visioni diverse..
    In realtà hafsa credo che chi stia ingigantendo la cosa sia tu... premetto che non ho seguito la vicenda in questione ( in realtà non lo sapevo proprio ), quindi parlo in generale, però denunciare una persona per un "ciao bella", "che gnocca" oppure un fischio lo trovo al limite della paranoia dai... che poi siano idioti da disprezzare l'ho scritto io per primo, ma le sanzioni legali lasciamole per i casi in cui c'è davvero bisogno.... se poi parli di offese gratuite da denunciare allora ci sarebbe la controparte e non immagini quante donne sarebbero in galera per le sparlate che fanno degli sconosciuti che vedono quando sono in giro... si ok non urlano, ma l'offesa resta....

    Quando ho parlato di "provarci da ubriachi" comunque ho specificato anche "senza volgarità", che è una cosa che detesto in tutti i campi....
    Maslow and Ridiamo like this.
     
  4. L'avatar di Sempreecomunque

    Sempreecomunque Sempreecomunque è offline FriendMessaggi 2,843 Membro dal Sep 2015
    Località Italia
    #37174

    Predefinito

    Come dice Flair va contestualizzato il tutto, difficile capire a priori se quello successo a Torino (che io non conosco ma ho letto solo qui) sia da considerarsi esagerato nella denuncia di lei o meno.
    Per la verità gli sguardi lanciati al mio indirizzo o l'occhiolino dalla macchina a fianco non mi hanno quasi mai infastidito, a volte ho pure ricambiato con un mezzo sorriso, vuoi perchè probabilmente ero d'umore buono quel giorno o perchè il tipo era gradevole ai miei occhi ma di base gli apprezzamenti soft non fanno male a nessuno.
    Il buon senso dovrebbe far capire ad ognuno di noi cosa possiamo o non possiamo permetterci quando abbiamo a che fare con altre persone e lo stesso buon senso dovrebbe aiutarci a capire se chi abbiamo di fronte sta davvero ledendo la nostra persona.
    Ma il buon senso è come il deodorante... chi ne avrebbe davvero bisogno non lo usa mai. Cit.
    Maslow, Ridiamo and rabe like this.
     
  5. L'avatar di Dedelind

    Dedelind Dedelind è offline JuniorMessaggi 1,280 Membro dal Apr 2017
    Località Come fu che Masuccio Salernitano fuggendo con le brache in mano riuscì a conservarlo sano
    #37175

    Predefinito

    il buonsenso - per fortuna o purtroppo, non so - lo fa anche l'epoca in cui ognuno vive. Ed in questi tempi, con il lavaggio del cervello social-mediatico, anche un fischio od un occhiolino danno motivo di gridare "molestatore". Prima però, bisognerebbe capire anche da dove nasce il motivo di dover appellare a parole o col fischio o senza le femmine che il maschio incrocia per la propria strada.

    Poi, giustificare un ubriaco è un "buonsenso" che io non applicherò MAI.
    Spazio in allestimento
     
  6. L'avatar di antonio60

    antonio60 antonio60 è offline JuniorMessaggi 1,699 Membro dal Mar 2020 #37176

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rakosi89 Visualizza Messaggio
    ....
    Provarci da ubriaco lo avrò fatto duecento volte ....
    Vista la tua età, sei praticamente un alcolizzato cronico!
     
  7. Hafsa Hafsa è offline FriendMessaggi 3,563 Membro dal Oct 2015 #37177

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rakosi89 Visualizza Messaggio
    In realtà hafsa credo che chi stia ingigantendo la cosa sia tu...
    Uhm.. forse non hai letto bene il mio post.
    Non ho mai detto che si debba denunciare uno che ti dice: "Ciao bella", anzi, vi ho proprio fatto notare come steste sbagliando a trattare tutti gli episodi di cui avete parlato allo stesso modo, appunto perché un occhiolino, un fischio o un saluto non hanno la stessa gravità che urlare oscenità ad una che vedi passare, per me.
    Neppure io avevo sentito dell'episodio, me lo sono andata a cercare dopo aver letto il post di Maslow (perché mi pareva strano qualcuno denunciasse per una parola rivolta) e mi sono limitata a commentare quell'unico episodio raccontato dalle ragazze, non tutte le varianti possibili e immaginabili della casistica.
    E sì, lo confermo, gridare ad una passante: "Vieni che ti sfondo" o qualcosa di quel tenore (perché di quello hanno parlato, non di un fischio) per me è molestia.
    Se avessero reagito tirando un paio di ceffoni avrebbero fatto bene?
    Se sì, perché farsi giustizia da sé è giusto mentre richiederla allo Stato no?!
    Che poi questa cosa non la denuncerebbe mai nessuno (io per prima) non ci piove, però mi intristisce che la società la consideri acqua fresca.. in quella mia ideale non sarebbe così.
    Tra l'altro, magari me lo sono persa nella lettura in velocità, ma non mi pare l'articolo dicesse che hanno denunciato il fatto alle autorità: semplicemente hanno raccontato l'accaduto sui social dicendo di essersi rotte, altre hanno condiviso le loro esperienze e i media hanno fatto il resto.

    NB: Non parlo da parte in causa eh, a me non capita mai di ricevere apprezzamenti (siano carini o volgari), per cui sono tranquilla da quel punto di vista, non ho questa visione perché l'argomento tocca un nervo scoperto, però mettendomi nei panni di una che subisce questo trattamento in maniera sistematica, capisco possa rappresentare un bel disagio.

    PS: Non capisco perché se ne debba sempre fare una questione di genere per vedere chi è più "cattivo".
    cime likes this.

     
  8. L'avatar di rakosi89

    rakosi89 rakosi89 è offline FriendMessaggi 3,021 Membro dal Jan 2016 #37178

    Predefinito

    @Antonio
    Esagerato.... duecento è un modo di dire... comunque ho preso la prima sbronza a 15 anni, quindi le situazioni sono tante...

    @Hafsa
    Ma guarda che io per primo ho detto che trovo rivoltanti certe cose e questioni di genere non ne ho mai fatte in vita mia.... semplicemente ho fatto l'esempio per far capire che se si dovesse denunciare chiunque dice qualcosa di sgarbato nei confronti di sconosciuti ( quindi ci metto anche battutine con le amiche perché potrebbero essere sentite ) i tribunali sarebbero più pieni di uno stadio.... e magari sarebbe anche dannoso, potrebbe rallentare ulteriormente il sistema e fare in modo che casi molto più gravi si risolvano dopo anni e anni....
    norge likes this.
     
  9. L'avatar di Maurice78

    Maurice78 Maurice78 è offline Super ModeratorMessaggi 5,731 Membro dal May 2016 #37179

    Predefinito

    Copio da torinotoday

    Quattro ragazze torinesi hanno rotto il silenzio e centinaia di donne hanno raccolto il loro invito a denunciare le piccole e grandi forme di violenze che sono quotidianamente costrette a subire. È nata a Torino la campagna #BreakTheSilence, un percorso apolitico e apartitico attraverso il quale Mariachiara Cataldo, Francesca Sapey, Giulia Chinigò e Francesca Valentina Penotti si pongono l'obiettivo di far luce su un fenomeno diffuso e preoccupante.

    La violenza di genere non è solo quella che porta al femminicidio o all'abuso fisico, può infatti manifestarsi tutti i giorni tramite comportamenti subdoli. È da uno di questi che è scattata la scintilla che ha portato le quattro ragazze a esporsi in prima persona. La miccia in questo caso è stata accesa alla fine di una serata tra amiche quando Mariachiara Cataldo, passando per Piazza Solferino, è stata il bersaglio dello sfogo machista di un gruppo di ragazzi. "Mi hanno gridato frasi poco piacevoli a sfondo sessuale", racconta, "Erano tre mesi che ero chiusa in casa e la prima sera fuori sono stata costretta a riscoprire come fosse fatto il mondo reale. Per l'ennesima volta sono stata vittima di una molestia verbale per strada. Mi sono arrabbiata perché non è possibile che nel 2020 una donna non possa uscire per strada senza aver paura di essere toccata".

    Tornata a casa ha affidato il suo sfogo ai social network e insieme alle amiche ha chiesto alle donne di raccontare le proprie testimonianze di quella volta che sono state costrette a subire una violenza fisica o verbale. In pochi giorni sono arrivate oltre 300 testimonianze di donne, ma anche di uomini. "Molto spesso le violenze nei confronti degli uomini si sono create con una persona più grande che ha voluto dimostrare nei confronti di questi uomini una prevaricazione verbale e fisiche, carezze e palpate che vanno oltre ogni sfera di rispetto", spiega Giulia Chinigò.

    "Il nostro progetto non è un progetto che muore dopo 24 ore, ma vogliamo andare oltre", racconta Francesca Valentina Penotti, "Vogliamo arrivare nelle scuole perché le molestie avvengono già dai primi anni delle elementari e quindi se si riesci a educare sin da piccoli si riuscirà anche a formare adulti migliori".

    "La cosa che più spaventa delle denunce che abbiamo ricevuto è che molte ragazze non hanno mai pensato di aver subito una molestia. Si pensa che un fischio per strada o frasi inopportune siano normali e quasi da accettare. Siamo riuscite a usare i social per rompere il silenzio e siamo riuscite a fare arrivare a un bacino importante di utenti il nostro messaggio: ci sono forme di violenza meno gravi che però sono il prima di quel che un giorno sarà una violenza più grave", continua Mariachiara Cataldo.

    "Non vogliamo definirci un movimento perché assume sempre una sfumatura politica. Vogliamo far capire che la violenza è un tema che riguarda tutti, non solo un partito o uno schieramento politico, ma tutti noi. Il centro non è la politica, ma la violenza. Noi vogliamo parlare di quello e non vogliamo essere associate ad alcun partito, schieramento o movimento perché la violenza è un problema trasversale", conclude Francesca Sapey.
    Come scritto da Hafsa, ma dove scrive di denuncia alle autorità?
    Nel primo paragrafo parla di denunciare ma dopo spiega che lo intende nell'accezione di raccontare avvenimenti simili, non alle autorità.

    E comunque, cosa c'è di sbagliato? Da una battuta offensiva, magari corroborata da euforia alcolica, e un pizzico di rinforzo dovuto al machismo di gruppo, è così raro arrivare a qualche forma di violenza? Purtroppo, non credo.
    E come per tante cose, se si tagliano i problemi alla base, quelli al vertice probabilmente saranno meno e meno gravi.
    Hafsa and rabe like this.
    Sic pesto creatus est
     
  10. Maslow Maslow è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,186 Membro dal Nov 2019
    Località Italy
    #37180

    Predefinito

    Non penso che vengano neanche prese in considerazione certe denunce