Dello splendore della monogamia e delle vaghe stelle dell'infedeltà - Pagina 11

Discussione iniziata da Stelin il 19-09-2022 - 129 messaggi - 6857 Visite

Like Tree103Likes
  1. LastPrince LastPrince è offline PrincipianteMessaggi 127 Membro dal May 2022 #101

    Predefinito

    Ritengo il tradimento, qualunque questo sia, un atto piuttosto infame. La liberta' puo' essere pero' praticamente in modo pulito senza raggirare alcuno.
    A 34 anni non credo di cambiare idea, pur non potendo, a priori, dire che non tradiro' mai semmai dovesse, beneficio del dubbio, finire nuovamente in una relazione lunga.

    I miei 2 centesimi, al racconto di queste pagine, pero' spero me li permettiate.
    Oggi tradire forse e' una sorta di autodifesa. Certo, l' istinto c'e' sempre, i tradimenti sono vecchi quanto il mondo, ma oggi forse ci si accede a cio' con una facilita' ancora piu rapida rispetto ai nostri nonni, bisnonni o padri. Il mio compreso che per anni intesse un rapporto extra coniugale che solo una debole, sventurata come mia madre poteva 'passarci su', di fatto privandoci di un padre che per anni sparii virtualmente dai radar se non per tornare a dormire a casa.

    Oggi pero' non mi sposerei, proprio per questo motivo. Mesi fa la pensavo diversamente ma per quanto possa essere brillante, pieno di me, convincente come uomo, noto che una bella dose di donne tradisce, spesso nemmeno senza porsi la questione morale del tradimento e del perche' continuano a stare con un cornuto. Posso dire lo stesso degli uomini, non preoccupatevi.
    Ormai con tutti gli schemi sociali saltati, con valori sociali e morali in netto declino, senza piu' nemmeno l ipocrita convenzione di non poter divorziare o fare figli con piu' partners...beh a me di rischiare potenzialmente di fare il marito cornuto non mi va.
    Stelin likes this.


    Ultima modifica di LastPrince; 30-09-2022 alle 12:36
     
  2. L'avatar di Stelin

    Stelin Stelin è offline FriendMessaggi 3,956 Membro dal Nov 2021
    Località Francia
    #102

    Predefinito

    LastPrince, interessante il concetto di autodifesa.
    Tradimento che protegge dall'investirsi troppo, dal crederci troppo, dal senso di vuoto e di delusione...
    Se non vuoi o non puoi rischiare, e non solo le corna, fai bene a decidere di non amare.
    Follow the white rabbit
     
  3. L'avatar di Avatar64

    Avatar64 Avatar64 è offline Super FriendMessaggi 5,109 Membro dal Jun 2021
    Località Italia
    #103

    Predefinito

    Io credo che piuttosto al non amare, l’utente si riferisse solo a non impegnarsi in un matrimonio…
    Del resto pensiero pienamente in linea con la tendenza attuale…😉.
    Niente dura per sempre. “Per sempre” è una bugia. Tutto quello che abbiamo è in mezzo a un ciao e un arrivederci.
     
  4. L'avatar di Stelin

    Stelin Stelin è offline FriendMessaggi 3,956 Membro dal Nov 2021
    Località Francia
    #104

    Predefinito

    Avatar, essere fatto cornuto da fidanzato é ancora più triste, non credi?
    Concordo : evitare matrimonio e figli é un atto di militantismo ecologico sempre più necessario.
    Follow the white rabbit
     
  5. L'avatar di Avatar64

    Avatar64 Avatar64 è offline Super FriendMessaggi 5,109 Membro dal Jun 2021
    Località Italia
    #105

    Predefinito

    Stelin è sempre triste essere traditi.
    Però, se non c’è un legame matrimoniale e soprattutto non ci sono figli di mezzo e più facile troncare, a meno che non si sia dipendenti emotivamente dall’altra persona, ma questa è un’altra storia…😉.
    Niente dura per sempre. “Per sempre” è una bugia. Tutto quello che abbiamo è in mezzo a un ciao e un arrivederci.
     
  6. L'avatar di Lupetto91

    Lupetto91 Lupetto91 è offline PrincipianteMessaggi 192 Membro dal Feb 2021 #106

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stelin Visualizza Messaggio
    Puoi rispondere qui, se vuoi. Era il 3d "prepotenza" aperto da LaPeppa, in cui ci si chiedeva quanto il temperamento e l'esempio familiare dei padri condizioni i figli, e quali variabili possano salvarli dal triste destino di seguire le orme del vecchio genitor.

    Ciao Stellin,
    quanto il temperamento famigliare e l'esempio paterno mi hanno condizionato?

    Beh innanzi tutto io posso affermare di aver avuto un infanzia serena e felice.
    Mio padre di amanti ne ha avute molte, veramente molte e più di una in contemporanea a volte, io non ero a conoscenza di questo ma mio padre dopo che sono cresciuto mi ha raccontato tutto.
    Mio padre sta e stava molto all'estero per lavoro e questo lo aiutava nella gestione degli "affari" personali, ma a casa, quando era padre e marito, non ci ha fatto mai mancare nulla, certo che caratterialmente è una persona seria ma non con un animo di legno, lui sapeva distinguere famiglia e extra.
    Mia madre...una Santa è l'unica definizione che mi sento di dare.
    I miei si sono sempre voluti bene, ci sono stati litigi e momenti di tensione, ma era chiaro che entrambi condividevano il progetto di creare una famiglia.

    Quando poi i fatti extra sono usciti la famiglia si è separata e il resto è storia.

    Mio padre mi ha trasmesso molti vizi e alcune virtù

    Alcune cose non belle, viste in casa e automaticamente apprese (senza presa di coscienza) me le trascino con me, alcune sto anche provando a migliorarle, ma posso affermare che il capitolo fedeltà è a parte.
    Io nel momento che la famiglia si è separata ho sofferto, e la causa della separazione è stata l'infedeltà...ed ecco forse perchè io sono sempre stato fedelissimo e chiedevo lo stesso dall'altra parte; in questo direi che mi ha condizionato parecchio perchè ho anche sofferto molto.
    Poi crescendo (ora ho 31 anni) con mio padre ho stabilito una comunicazione paritaria e con un dialogo più sincero da parte sua e con orecchio più maturo da parte mia, in aggiunta alla mia nuova esperienza, la mia visione sta subendo un cambiamento.

    In sintesi, il temperamento famigliare e l'esempio paterno mi hanno fatto vivere delle esperienze che hanno contribuito al mio carattere, quindi si mi hanno influenzato.


    Per quanto riguarda la genetica del tradimento non saprei se reale o meno, per ora sembra una gene remissivo in me vista la mia diligenza negli impegni presi; ho quella fantasia è vero, ma credo sia solo puro egoismo per poter avere una dolce figura accanto che non mini o limiti la mia persona.
    Ora gli impegni di coppia un po'mi pesano, come mi pesano i compromessi, io probabilmente sono stato per troppo tempo solo, autonomo ma molto felice anche senza nessuno di fisso accanto (e non ero certo un don giovanni)
    Stelin likes this.
    Ultima modifica di Lupetto91; 30-09-2022 alle 14:48
     
  7. LastPrince LastPrince è offline PrincipianteMessaggi 127 Membro dal May 2022 #107

    Predefinito

    Provo ad essere chiaro.

    Presumo di non essere lo stupido del villaggio, dovuta premessa per dire che vivo ed ho vissuto finora nel mondo reale quindi non nella utopia di come le cose 'dovrebbero essere' o di 'come spero accadano'.

    Il tradimento e' sempre esistito. Chi nega evidentemente viva di favole ma e' comunque una scelta.
    Quello che mi spaventa oggi, rispetto al passato, che non ho vissuto non essendo bicentenario, e' che il livello morale e i valori sono ancora piu in declino del passato. Mi riferisco gia' a 5 anni fa o a 10 quando ne avevo 20. Questo secondo me ha abbassato nettamente il valore di tutte le relazione e la stessa considerazione del rispetto verso gli altri perche' e' indubbio che ogni volta interagiamo con gli altri sarebbe ideale almeno essere onesti.

    La societa' delle relazioni poi e' veramente miserabile. Coppie che si sfasciano alla velocita' della luce, convivenze interrotte all' acqua di rosa, stile sgranocchiare le patatine sul divano, schifezze di ogni tipo, bugie patologiche, gente che fa figli senza un domani et senza curarsi di come magari gli stessi figli potrebbero entrare in confusione di avere alcune perplessita sulle figure genitoriali che sono comunque rilevanti. Il mio non e' un giudizio, ognuno e' libero di fare figli anche con cavalli e tradire con un plotone di soldati, non e' affar mio ma e' un problema se rischio di essere una delle tante comparse.

    La mia ambizione e' pertanto non unirmi alla tragedia. Tutto qui.

    Poi se dovessi trovare condizioni interessanti, magari cambio idea ma la felicita' in mano ad una donna in modo totale io non la metto, e se devo fare un figlio io faro' il padre.
    Stelin likes this.
     
  8. L'avatar di Stelin

    Stelin Stelin è offline FriendMessaggi 3,956 Membro dal Nov 2021
    Località Francia
    #108

    Predefinito

    Last, la felicità purtroppo non la possiamo mettere nelle mani di nessuno, nemmeno nelle nostre.
    Io che sono di natura ottimista, vedo un vantaggio nella fluidità moderna : la gente ha meno paura di ammettere a se stessa e agli altri di essere quel che é e di pensare quello che pensa. Il ragazzo non si sente più in dovere di dichiararti che sei la sola: se vuole una frequentazione non impegnativa, lo dice. Chi non vuol figli non ti fa perdere vent'anni ad aspettare "il momento giusto". Chi non vuol mollare la moglie, idem. E cosi chi non ha voglia di lavorare, di far sforzi... Società più lassista? Credo anch'io di si, ma le persone in gamba le noti di più e le scopri più in fretta, perché brillano come diamanti in mezzo al carbone. Mentre venti, cinquant'anni fa, ti prendevi di quelle fregature !
    Penso che le persone giuste si possano incontrare negli ambienti che ci corrispondono e nei quali si cercano di vivere dei valori simili ai nostri. Ma ogni tanto anche affidarsi al destino é riposante...
    LaPeppa likes this.
    Follow the white rabbit
     
  9. L'avatar di Stelin

    Stelin Stelin è offline FriendMessaggi 3,956 Membro dal Nov 2021
    Località Francia
    #109

    Predefinito

    Lupetto, curioso : ti sei identificato a tuo padre e saresti pronto a sacrificare la felicità di tua moglie e l'unità familiare invece di tirare i dovuti insegnamenti dal tuo passato, che a me sembrano andare nel senso dello scegliere o la coppia aperta o la monogamia seria?
    Follow the white rabbit
     
  10. LastPrince LastPrince è offline PrincipianteMessaggi 127 Membro dal May 2022 #110

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stelin Visualizza Messaggio
    Last, la felicità purtroppo non la possiamo mettere nelle mani di nessuno, nemmeno nelle nostre.
    Io che sono di natura ottimista, vedo un vantaggio nella fluidità moderna : la gente ha meno paura di ammettere a se stessa e agli altri di essere quel che é e di pensare quello che pensa. Il ragazzo non si sente più in dovere di dichiararti che sei la sola: se vuole una frequentazione non impegnativa, lo dice. Chi non vuol figli non ti fa perdere vent'anni ad aspettare "il momento giusto". Chi non vuol mollare la moglie, idem. E cosi chi non ha voglia di lavorare, di far sforzi... Società più lassista? Credo anch'io di si, ma le persone in gamba le noti di più e le scopri più in fretta, perché brillano come diamanti in mezzo al carbone. Mentre venti, cinquant'anni fa, ti prendevi di quelle fregature !
    Penso che le persone giuste si possano incontrare negli ambienti che ci corrispondono e nei quali si cercano di vivere dei valori simili ai nostri. Ma ogni tanto anche affidarsi al destino é riposante...
    La questione e' complessa ma la tua premessa e' centrale. Piu' si esternalizza la felicita' verso persone o cose, carriere compresi, maggiore e' il rischio di dipendere da altri. Ne ho conosciute, post mia rottura terribile, solo per me ovviamente, alcune donne che esordivano che avevano trovato il loro equilibrio e la loro felicita in loro stesse. Il corso di yoga, la carriera che iniziava a dare luce, i viaggetti del *****, ma tempo poche settimane avevano gia' abbassato le difese per finire potenzialmente nelle mie grinfie come delle perfette persone bisognose di attenzioni.

    Cosa dico? Dico che se sono gli altri a farci star bene, cosa possibile sia chiaro, e' indubbio che finiamo in una sorta di interdipendenza. E' come una droga, io non ne ho mai fatto uso ma e' pur sempre qualcosa che ti da dipendere in qualche modo. Bisogna alleviare la dipendenza e riequilibrare costantemente il rapporto con se stessi. Come? Chiedendosi banalmente. Se perdo il lavoro che faccio? se perdo la mia compagnia dove vado? se il mio migliore amico mi manda a quel paese, cosa faccio? Se il settore dove lavoro va a ******.ne, che ne sara' di me? Piu' uno si costruisce alternative in tal senso, piu' e' libero di far tornare verso se stessi il focus.
    Sono troppo brutale? Sono un pessimista cosmico? NO. Dico solo la realta' in modo che se sai che ogni tanto i treni ti possono finire in faccia, uno sta almeno piu' attento.

    Poi in campo sentimentale, ci sono persone assolutamente non portate per avere relazioni esclusive. Non parlo necessariamente di traditori seriali ma di persone che ciclicamente cambiano partner come le mutande, o al massimo come un bel capo tenuto qualche anno e poi rimesso in armadio per far spazio ad altro. Questi amano l'idea di amore, non e' un amore reale ma piu' che altro devono rincorrere le emozioni.
    Stelin likes this.