Lo squallore di un mestiere che non piace

Discussione iniziata da maallorachesifa il 30-10-2018 - 6 messaggi - 382 Visite

Like Tree1Likes
  • 1 Post By la-psicolabile
  1. maallorachesifa maallorachesifa è offline Super ApprendistaMessaggi 628 Membro dal Feb 2012 #1

    Predefinito Lo squallore di un mestiere che non piace

    Fare o comunque cercare un lavoro che non piace, quanto è frustrante.
    sono passionale, non sopporto fare qualcosa che non mi piace. E non poter aspirare a niente di più. Perchè le capacità non sono abbastanza grandi. È anche vero che le capacità non sono nemmeno così piccole. Sono come in una zona borderline, non abbastanza per raggiungere quel che vorrei, ma troppo sopra soglia per le uniche cose che mi posso permettere di fare. Di conseguenza mi trovo a lavorare con persone con un tipo di intelligenza troppo lontana dalla mia, aspirazioni assenti o totalmente diverse. Sintoniche con quello che fanno. Beate loro perchè è quello che vogliono fare e hanno sempre saputo di potersi permettere di fare.
    Io invece non sono soddisfatta. Per niente, sono cresciuta molto insicura ma con l'idea che avrei fatto qualcosa di soddisfacente, di cui andare fiera. E invece sono una che lo sforzo era al di là delle mie possibilità di determinazione.
    Una tristezza, è questo lo squallore della vita. Me lo merito per aver fallito in ciò che mi interessava. Ma non lo riesco ad accettare.
    C'è qualcuno a cui non piace il tipo di lavoro o ambito in cui lavorate o in cui vi potete permettere di lavorare?


     
  2. L'avatar di la-psicolabile

    la-psicolabile la-psicolabile è offline Super ApprendistaMessaggi 539 Membro dal Dec 2017 #2

    Predefinito

    A chi lo dici ! Io ho studiato per fare un lavoro in ambito economico bancario e mi ritrovo disoccupata ad aver fatto solo lavoretti di poco conto che non c'entravano nulla con quel settore , in nero , sottopagati e frustranti. Tu sei in regola e a tempo indeterminato? in che cosa sei specializzata ? questo è molto importante perché potrebbe aiutare a capire se puoi cercare altrove e se c'è la possibilità concreta che tu possa cambiare lavoro. Dici che ti trovi con persone dalle aspirazioni molto basse ... anche qui ti capisco alla perfezione. E' difficile confrontarsi con gente diversa da noi , a me è successo nel privato e ho dovuto allontanarmi , è una cosa che ti manda il morale a terra
    passerosolitario84 likes this.
    Quando sono andato a scuola, mi hanno chiesto cosa volessi diventare da grande. Ho risposto “felice”. Mi dissero che non avevo capito l’esercizio e io risposi che loro non avevano capito la vita.
    (John Lennon)
     
  3. passerosolitario84 passerosolitario84 è offline FriendMessaggi 3,407 Membro dal Mar 2016 #3

    Predefinito

    Ti capisco. A me non piace il mio lavoro e non c'entra nulla con ciò che ho studiato.
     
  4. maallorachesifa maallorachesifa è offline Super ApprendistaMessaggi 628 Membro dal Feb 2012 #4

    Predefinito

    Psico
    Che indeterminato! Magari mi riferivo al fatto che posso ambire solo ad una fascia di lavori in cui non sono necessarie determinate caratteristiche o qualità. Non ho le specializzazioni che hai te, ma il concetto è lo stesso però a livelli di specializzazione inferiore. Tu devi essere comunque fiera di te perchè sei riuscita comunque a portare avanti il tuo percorso di specializzazione. E tu si che hai la possbilità concreta nel trovare nel tuo campo visto che ne hai uno!
    Comunque si trovo difficile interagire con persone a cui nulla ti unisce. Non è questione di ambizione in sè, io nel privato non escludo in base alle ambizioni delle persne ma a come mi trovo con loro, se è passato questo messaggio non era mia intenzione.
    Io posso voler diventare campionessa mondiale di tiro a freccette e una amica può avere come massima aspirazione fare la commessa al supermercato però poi essere della stessa pasta nei discorsi e magari avere in comune la passione per un cert tipo di film, e una sensibilità simile.
    Ma parlo proprio del fatto di lavorare o avere a che fare con persone dal tipo di sensbilità completamente diversa, con cui non è possibile fare tipi d discorsi( che a me vengano naturali ) proprio perchè sono in ambiti in cui la cultura o altre doti più "sofisticate" non sono necessarie. Ma non so come dire non è qualcosa cge si avverte solo nei discorsi ma nel modo di fare generale.
    Non so se anche per te è lo stesso discorso.
    Comunque il bello è che per le tue qualifiche puoi sperare un giorno di migliorare la tua condizione, intanto come ti senti e come gestisci la situazione?
    Mi rendo conto di come l'ambiente sia fondamenrale per la serenità.
    Passero e tu? Hai mai pensato di cercar di cambiare lavoro? Seni anche te questo "squallore"?
    Ultima modifica di maallorachesifa; 02-11-2018 alle 01:50
     
  5. passerosolitario84 passerosolitario84 è offline FriendMessaggi 3,407 Membro dal Mar 2016 #5

    Predefinito

    Sì, sto cercando di cambiare lavoro e sento il disagio.
     
  6. L'avatar di la-psicolabile

    la-psicolabile la-psicolabile è offline Super ApprendistaMessaggi 539 Membro dal Dec 2017 #6

    Predefinito

    @maallorachesifa io intendevo esattamente quello che dici tu ovvero persone con sensibilità diversa dalla mia , che non apprezzano certe cose , gente a cui non piace nulla e che non ha interessi . Purtroppo ce ne sono molte di persone così , io le ho incontrate e me ne sono allontanata subito perché c'era incompatibilità. Per te non deve essere facile confrontarti con gente del genere ma posso capire che in certi settori lavorativi è più facile trovarla anche per i ritmi o gli orari che si hanno . Io ormai è tanti anni che son laureata e ho perso la speranza di trovare un lavoro nel mio campo , per il momento mi limito a cercare un impiego adatto a me per quanto riguarda certi problemi di salute che ho . Per esempio non posso fare lavori troppo pesanti o con troppo movimento fisico , ad ogni modo non ti nascondo la mia preoccupazione per la mia situazione lavorativa
    Quando sono andato a scuola, mi hanno chiesto cosa volessi diventare da grande. Ho risposto “felice”. Mi dissero che non avevo capito l’esercizio e io risposi che loro non avevano capito la vita.
    (John Lennon)
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]