Sterilità e vita di coppia

Discussione iniziata da Giovanni76 il 27-05-2020 - 10 messaggi - 568 Visite

Like Tree14Likes
  • 1 Post By flair
  • 2 Post By flair
  • 4 Post By Treemax
  • 3 Post By antonio60
  • 3 Post By fantasticonov
  • 1 Post By BenShapiro
  1. Giovanni76 Giovanni76 è offline ApprendistaMessaggi 230 Membro dal Jun 2018 #1

    Predefinito Sterilità e vita di coppia

    Dopo tre anni di convivenza decidiamo di allargare la famiglia..mesi di tentativi e niente..un semplice spermiogramma e scopro di essere quasi completamente sterile. Quindi comincia un incubo chiamato icsi o fecondazione in vitro un incubo fatto di stimolazioni ormonali e punture da parte della mia lei . ..contro ogni probabilità oggi sono padre di una bambina di un anno ma ancora non ho superato la cosa. Il senso di colpa per quanto accaduto e la vergogna per la mia condizione. Sono cose talmente serie che apertamente non ne puoi parlare con nessuno. Mi farebbe piacere uno scambio di opinioni e semplici emozioni da parte di chi vi è passato.


     
  2. L'avatar di norge

    norge norge è offline Super SeniorMessaggi 21,245 Membro dal Jan 2019 #2

    Predefinito

    Hai provato a parlarne con uno psicologo?
    " Non parlare mai di Amore e Pace: un Uomo ci ha provato e lo hanno crocefisso !" ( Jim Morrison)


    " Gli animali non si preoccupano del Paradiso o dell'Inferno. Nemmeno io, forse è per questo che andiamo d'accordo. " ( Charles Bukowski)
     
  3. L'avatar di flair

    flair flair è offline FriendMessaggi 2,952 Membro dal Jul 2015
    Località Ruttalia - Flairburg
    #3

    Predefinito

    Il percorso che avete affrontato è stato sicuramente molto duro ma ce l'avete fatta e l'unica cosa veramente importante è la vostra bambina e la sua salute, considerando che solo il 30% delle coppie ce la fanno e che molte di queste entrano in crisi durante il percorso, con una percentuale di separazione molto alta.
    Per quanto riguarda la tua condizione non ti devi ne sentire in colpa tanto meno vergognare, negli ultimi anni l'infertilità è aumentata molto soprattutto per via dell'inquinamento, la diossina, ecc. e in aree altamente industrializzate la percentuale di infertilità è notevolmente maggiore che in altre.
    Giovanni76 likes this.
    Ultima modifica di flair; 27-05-2020 alle 17:55
     
  4. Giovanni76 Giovanni76 è offline ApprendistaMessaggi 230 Membro dal Jun 2018 #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da flair Visualizza Messaggio
    Il percorso che avete affrontato è stato sicuramente molto duro ma ce l'avete fatta e l'unica cosa veramente importante è la vostra bambina e la sua salute, considerando che solo il 30% delle coppie ce la fanno e che molte di queste entrano in crisi durante il percorso, con una percentuale di separazione molto alta.
    Per quanto riguarda la tua condizione non ti devi ne sentire in colpa tanto meno vergognare, negli ultimi anni l'infertilità è aumentata molto soprattutto per via dell'inquinamento, la diossina, ecc. e in aree altamente industrializzate la percentuale di infertilità è notevolmente maggiore che in altre.
    Ti ringrazio per queste righe. Sono condizioni che si capiscono solo vivendole in prima persona : il sentimento del lutto è quello che ci si avvicina di più. "gli spermatozoi sono l' unica forza ..tutto ciò che hai" cantava Renato Zero. Più semplicemente la capacità riproduttiva per un uomo od una donna è lo spartiacque fra l' età infantile e quella adulta. Ed un quarantenne sterile cosa è mi chiedo ? Cosa sono io ? Ed una donna che abbandona un uomo sterile per realizzare la sua maternità con un altro uomo cosa è ? una egoista ? Oppure è egoista lui che la vorrebbe legata a se per trascorrere una vita in sterilità . Ho una bambina di un anno e la mia compagna in confidenza nel buio dell' intimità mi dice : è la cosa più bella che abbiamo fatto nella nostra vita... Se fossi risultato del tutto sterile non avrei saputo cosa fare: sarei stato tormentato a vita dai sensi di colpa per aver precluso ad una donna la possibilità di realizzare la sua maternità.
     
  5. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è offline JuniorMessaggi 1,006 Membro dal Nov 2019 #5

    Predefinito

    Coi se e coi ma non si fa la storia... Alla fine tutto è bene ciò che finisce bene: avete realizzato il vostro obiettivo e questo è ciò che conta.

    Lo so, io non posso capire perché purtroppo e lo dico seriamente, ho avuto il "problema" opposto e mi risulta banale dirti che bisogna accettarsi per quello che si è, per come il destino ci ha creato.

    Ma te l'ho detto lo stesso. 😉
    I morti sanno soltanto una cosa: che è meglio essere vivi. (Soldato Joker, quello vero)
     
  6. L'avatar di flair

    flair flair è offline FriendMessaggi 2,952 Membro dal Jul 2015
    Località Ruttalia - Flairburg
    #6

    Predefinito

    In realtà alla fine una figlia l'avete avuta percui perchè non ti godi la riuscita di un lavoro impegnativo, lungo e invasivo?
    Per quanto riguarda le tue domande ... sei un uomo che per fattori che non dipendono da te ha dovuto ricorrere a metodi diversi per ottenere ciò che per altri risulta essere naturale, stop.
    Io penso che non sia giusto continuare ad arrovellarti in questo modo perchè il sacrificio maggiore l'ha fatto tua moglie, e l'ha fatto per la vostra famiglia ed anche per te, percui dovresti rispettare la fatica e l'impegno che l'hanno portata ad ottenere questo risultato.
    Accennavo che molte coppie non reggono dopo avere affrontato questo percorso, ma il problema non è la sterilità in senso stretto quanto il percorso in se.
    Avendo stazionato nella sala d'aspetto dell'ospedale, in attesa con gli altri mariti, penso che tu abbia ascoltato i loro discorsi e chissà quanti ne avrai fatti anche tu e sai benissimo che non ci si lascia perchè non si riesce ad avere un figlio, ma perchè questo evento e tutto il percorso mette in discussione molte certezze ed è facile che la coppia si spezzi.
    norge and Giovanni76 like this.
     
  7. Treemax Treemax è online Super ApprendistaMessaggi 501 Membro dal Apr 2018
    Località Italia
    #7

    Predefinito

    Giovanni, concordo con Flair è stato un percorso duro, alla fine avete realizzato il vostro sogno.
    Ora la cosa i.portante che hai questa figlia hai un'opportunità incredibile, nel viaggio che stai compiendo con tua moglie avete la gioia di condividerlo con questa creatura. Perdona la brutalità ma piantala di farti seghe mentali smettila di vivere nel passato, smettila di crogiolarti in un dolore che non porta a nulla. Impara a vivere con tutto te stesso nel momento presente, adesso, questo è l'unico punto di forza. Impara ad essere "presente" con tutto te stesso con tua moglie e tua figlia. Anche se fai fatica a concepire non è una colpa ne una condanna, non è che sei meno uomo. Anzi è lodevole e siete stati coraggiosi ad affronare tutto il necessario. So bene il percorso e cosa si prova in quanto un carissimo amico con la moglie hanno passato la tua identica situazione, abbiamo condiviso molto.
    Anche io con mia moglie dopo sposati desideravamo tre figli, poi ci sono voluti otto anni prima che arrivasse il primo figlio. Prima il calvario di problema di salute di mia moglie poi passato quello pensammo "ora è il momento" e ...niente. Dopo un po di tempo feci subito le analisi e io ero a posto, scoprimmo un grave sbalzo ormonale completamente asintomatico di mia moglie e ci vollero altri due anni per metterlo a posto con la pillola e poi...niente. Alla fine ci dicemmo ok se arriva un figlio bene altrimenti ne adotteremo uno. Quando ci rilassammo scoccò la scintilla della vita e alla fine adesso ci ritroviamo con due bellissimi figli.
    Idealmente avrei voluto averli prima poi alla fine ho lasciato andare queste idee inutili e gioisco ogni giorno per quello che ho. Questo per dirti che non sei l unico ad avere avuto problemi ce ne sono di diversa natura.
    Non è che sei impotente, forse quello poteva rappresentare un problema. Tu come persona sei importante e devi essere orgoglioso per ciò che sei.
    Quello che puoi fare invece moolto importane è vedere come sta il testosterone libero ed eventualmente prendere provvedimenti non di natura farmacologica, in caso di carenza si possono fare molte cose per rialzarlo naturalmente.
    Quello su cui puoi lavorare molto da solo (ci sono alcuni libri mto efficaci) e con un professionista è lavorare sul senso di colpa e la vergogna due zavorre che sono riuscito a lasciarmi alle spalle e una vota fatto la vita migliora notevolmente.
     
  8. L'avatar di antonio60

    antonio60 antonio60 è offline JuniorMessaggi 1,085 Membro dal Mar 2020 #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Giovanni76 Visualizza Messaggio
    ... ancora non ho superato la cosa. Il senso di colpa per quanto accaduto e la vergogna per la mia condizione...
    Io non riesco a capire. Non ho figli, ma non capisco cosa ci sia da vergognarsi per la sterilità. E non capisco i sensi di colpa: per cosa?
    Mica l'hai voluta tu, nemmeno è dovuta involontariamente a qualcosa che hai fatto. Ci si dovrebbe vergognare o sentirsi in colpa per essere senza un braccio o ciechi?

    Mi unisco a chi ti ha già scritto riguardo allo sforzo di tua moglie, che ha avuto successo. Concentrati sulla tua famiglia, che è la cosa più bella.
     
  9. L'avatar di fantasticonov

    fantasticonov fantasticonov è offline Super ApprendistaMessaggi 961 Membro dal Jan 2020 #9

    Predefinito

    [QUOTE=Giovanni76;4242495]Dopo tre anni di convivenza decidiamo di allargare la famiglia..mesi di tentativi e niente..un semplice spermiogramma e scopro di essere quasi completamente sterile. Quindi comincia un incubo chiamato icsi o fecondazione in vitro un incubo fatto di stimolazioni ormonali e punture da parte della mia lei . ..contro ogni probabilità oggi sono padre di una bambina di un anno ma ancora non ho superato la cosa. QUOTE]

    Scusa, ma il tuo messaggio si doveva fermare qui! Il miracolo è avvenuto! Contro ogni probabilità ce l'avete fatta comunque!! Come si fa a non vedere la cosa positivamente?

    La vergogna bisogna provarla per le scelte sbagliate che si fanno, se si ferisce qualcuno, non per come funziona biologicamente il nostro corpo che non dipende da noi! Io ho perso un rene quando avevo 20 anni e mi dovrei vergognare per questo? Ho sofferto, ho avuto paura quando è successo e nonostante questo ho vissuto una vita normale e avuto due meravigliosi figli.

    Smetti di piangerti addosso e gioisci di quello che sei riuscito MERAVIGLIOSAMENTE a realizzare! Ribalta il punto di vista e vedrai che riuscirai a nonessere un papà e un marito depresso.
    antonio60, Treemax and Giovanni76 like this.
     
  10. BenShapiro BenShapiro è offline PrincipianteMessaggi 38 Membro dal May 2020 #10

    Predefinito

    Non bisognerebbe mai vergognarsi se non si hanno colpe e non ci si dovrebbe mai scusare se non si è fatto nulla di male.
    antonio60 likes this.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]