Ti amo, per come può amare un uomo - Pagina 4

Discussione iniziata da trale il 28-03-2016 - 34 messaggi - 2509 Visite

Like Tree41Likes
  1. mestessasempre mestessasempre è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 998 Membro dal May 2015
    Località -
    #31

    Predefinito

    Io non credo e non sono d'accordo che gli uomini amino diversamente dalle donne.
    Che significa? che non sono capaci di amare ? o che amino solo in quanto interessati a stringere un rapporto fisico? o che provino un amore inferiore a quello che prova una donna? No non sono d'accordo.

    Credo invece che l'amore, ma più in generale la sfera delle emozioni, sia una componente capace di avvicinare molto le persone e quindi anche gli uomini alle donne (e viceversa) pur nelle loro diversità o peculiarità.
    Il linguaggio dei sentimenti è un linguaggio universale, con quello non possiamo non capirsi, anzi è proprio quello che ci avvicina, ci rende empatici, ci accomuna.
    Caso mai l'apparente incomprensione può nascere da posizioni sentimentali diverse, o desideri diversi che si provano in un determinato momento o in un certo periodo della vita.


    ameliadespel and Tony59 like this.
    Ultima modifica di mestessasempre; 03-04-2016 alle 16:43
     
  2. L'avatar di ladyvicky22

    ladyvicky22 ladyvicky22 è offline JuniorMessaggi 1,010 Membro dal Apr 2016 #32

    Predefinito hai ragione!

    condivido alla perfezione!! magari ok, l'uomo sicuramente ha approcci diversi poco o moltissimo rispetto a una donna, ma insomma..fino a un certo punto..quando si è Davvero Innamorati...o uomo..o donna.. eccome se l' amore è uguale!!! al massimo avrà sfumature diverse dato dal carattere di ciascuno.! ma L'Amour..è Amour...c è poco da fare..
     
  3. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 5,839 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #33

    Predefinito

    Trale,
    riferendomi alla tua domanda...ci rimango stupefatto (lett. 'mi sento un mona' dopo aver letto).
    Il tuo argomento....è vecchio, diciamo pure antico, di secoli. Pensa, lo trovi perfino in "Persuasion"
    di quella signora Jane Austen ! La domanda viene posta dalla ragazza (non ricordo il nome del personaggio) così
    diversa dal babbo vanaglorioso e dalle tronfie sorelle, timida e più rassegnata ma più intelligente.
    Proprio alla fine, trova modo di reincontrare l'uomo di cui è innamorata....mi sembra il capitano Wentworth.
    Lei rimprovera a lui che ...appunto noi uomini non sappiamo amare. L'ufficiale, innamorato di lei a sua volta, le dice
    che non è vero e, dignitosamente, le dice le proprie ragioni e la cosa viene chiarita.
    Ho fatto un esempio da fiction, come del resto il tuo. Quello che ho fatto io....non è letteratura recente. Inoltre....
    si tratta di un'autrice donna, vorrei dire, quindi, più autorevolmente.
    Chissà quante volte anche la Austen avrà sentito, da altre, come noi uomini non sappiamo amare....!
    Gershwin likes this.
     
  4. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 5,839 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #34

    Predefinito

    Se una differenza c'è...di tipo culturale, forse, non so, è il diverso modo con cui, almeno in apparenza,
    le donne sembrano vedere l'amore, rispetto agli uomini. Ho già visto - piacevolmente assai - che non tutte la pensano
    allo stesso modo, almeno in questa comunità. Però....molte e molti di noi si possono anche sentirsi più liberi e più libere di
    dire ciò che pensano, per il fatto di essere 'nel virtuale', conoscendoci coi nostri nicknames.

    Non so come le donne ragionino veramente, quando sono tra loro, rimanendo salvo il fatto che ognuna può avere idee
    diverse dalle altre. Quando parlo con persone a tu per tu, direttamente, faccia a faccia, noto che la tendenza
    prevalente femminile sia sempre quella dell'amore visto in modo generico, "bello comunque avvenga".
    Se mi accade di parlare confidenzialmente dell'argomento con un uomo, un amico o un collega con cui ho molta familiarità,
    non è raro che questi abbia una visione dell'argomento non diversa dalla mia: non è bello se non è bello il modo come ci si
    piace; meno il senso della morale e più quello dell'orgoglio spensierato. Non ultimo, siamo concordi - con qualche commento
    ironico e qualche risatina - che attrazione fisica e sesso non siano mai da sottovalutare. Ci meravigliamo di trovare
    le donne che dicono di non ritenere così importanti queste componenti e ci domandiamo se veramente lo pensano;
    ridiamo, considerando quante, giovani o meno, abbiano l'impostazione mentale della 'persona giusta' e della
    storia subito impegnata.
    Sembra, insomma, che dell'amore, detto in modo generico e troppo facile, siamo noi uomini prevalentemente
    a dubitarne; orgoglio e realismo sembrano attitudini prevalentemente maschili. Con questi confidenti, la risata
    si fa anche riferendosi alle donne che parlano della 'persona giusta'.
    Il senso autentico è quando, anche nel modo di parlare e di vedere, la filosofia e il senso morale vengono
    proprio buttati via. Per molte donne, un tale modo di pensare è da uomini troppo orgogliosi, autocompiacenti,
    poco inclini ad amare....

    Ecco, la differenza è il solito fatto culturale.....
    Se poi una donna mi si presenta subito come 'quella giusta'.....meglio tutte le altre !
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]