Valore percepito: zero - Pagina 21

Discussione iniziata da Humidity il 08-09-2020 - 226 messaggi - 8679 Visite

Like Tree303Likes
  1. certo certo è offline Super FriendMessaggi 5,420 Membro dal Dec 2012 #201

    Predefinito

    Va bene continua a fare la vita che stai facendo e prima o poi il sesso arriva vai tranquillo


     
  2. L'avatar di Hurrem

    Hurrem Hurrem è offline FriendMessaggi 4,594 Membro dal Aug 2017 #202

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Humidity Visualizza Messaggio
    Aveva l'aria di una domanda retorica e non volevo esser ridondante; loro esagerano da un lato, tu dall'altro.
    Io non penso di esagerare, poi se tu la pensi così ci può stare. Abbiamo visioni diametralmente opposte della vita, a me la gente che cerca di dipingere un mondo di rosa che non esiste va proprio di traverso e non la tollero.
    Sono stata anche io bloccata con l’uni e sono andata fuoricorso al terzo anno ad ingegneria perché mi sono trovava in difficoltà per colpa di un paio di esami. Nel mio caso sono stata spinta tantissimo e mi sono stati dati ultimatum. E mi sono anche sentita dire che se non mi fossi sbrigata a laurearmi sarei stata una fallita perché chiunque mi sarebbe andato avanti nel mondo del lavoro - da un lato i laureati e dall’altra i diplomati con esperienza lavorativa (io non avevo nessuna delle due). Sono cose che a te possano sembrare drastiche ma a me sono servite tantissimo e sono profondamente grata a chi me le ha dette.
    È preferibile questo piuttosto a sentirsi dire che sei intelligente e puoi farcela nella vita.

    Tutto deve essere dimostrabile e al giorno d’oggi ci sono due modi:
    - una laurea presa in ottimi tempi e/o con ottimi voti
    - esperienza lavorativa dove applichi l’intelligenza e le capacità che dici di avere
    A parole chiunque può essere intelligente.
    Le eccezioni sono persone che hanno idee brillanti che riescono a far breccia nel settore e i raccomandati figli di papà e mi sembra di aver capito che tu non appartenga a nessuna di quelle categorie.

    Quindi è ora che tu ti dia una mossa in una direzione o in un’altra. O ti sbrighi a laurearti o fai qualcosa per entrare nel mondo del lavoro. Se dici che è lo stesso farlo ai 30 o ai 40 stai evidentemente trollando. Ai 40 sei addirittura vecchio per un datore di lavoro. È diverso per un esperto nel suo settore che ha esperienza notevole su cui fare leva, ma fra un giovane e uno di mezza età laureato e senza esperienza tu non esisterai proprio.
    Optimist: Someone who figures that taking a step backward after taking a step forward is not a disaster, it's more like a cha-cha.​
     
  3. L'avatar di IsoldaCoeurDAnge

    IsoldaCoeurDAnge IsoldaCoeurDAnge è offline Super FriendMessaggi 7,567 Membro dal Aug 2017
    Località Francia
    #203

    Predefinito

    Sai tutti ti danno ottimi consigli ma io scometto che non seguirai nessuno di questi consigli e tra 10 anni verrai ancora a lamrntarti sul forum.
    E fai cosi, non metterti in discussione e continua a distruggerti,pero ti ricordo che il tempo passa e la scadenza ti arriverà salata.
    Tutte le non azioni da giovane si pagano ai 40-50 quando è veramente complicato fare da capo.
    Isot ma drue, Isot m’amie, En vos ma mort, en vos ma vie! (Gottfried von Strassbourg)
     
  4. Humidity Humidity è offline PrincipianteMessaggi 65 Membro dal Sep 2020 #204

    Predefinito

    @Hurrem

    Tu hai la stessa visione del mondo che hanno i bambini, si chiama Ipotesi del mondo giusto:

    Tale ipotesi si basa sul senso di merito e di giustizia e sostiene che le persone meritino ciò che realmente ottengono: per questo motivo le persone che credono in questa ipotesi ritengono che il mondo sia un luogo dove le persone buone vengono ricompensate e le persone cattive punite. La credenza in un mondo giusto risponde quindi ad un bisogno personale di credere che nel mondo regni una sorta di giustizia "immanente" che premia i buoni e punisce i cattivi.

    [...]

    Per conservare tale illusione si è portati a colpevolizzare le vittime adducendo loro la responsabilità di quanto accaduto.
    Tale weltanschauung è utile quando le cose vanno bene perché ti permette di non pensare troppo né di provare alcuna empatia verso chi se la passa male. Ma la verità è che abbiamo un controllo minimo sulla vita, che spesso si rivela ingiusta. Molte sono le cose che accadono per caso, per variabili a noi ignote.

    Qualche anno frequentavo un forum dove c'era una ragazza che studiava Medicina.
    Dedita allo studio, non usciva se non per andare l'università, o in palestra, e la sua unica fonte di vita sociale era appunto quel forum, dove postava ogni giorno sfoghi, riflessioni, aneddoti.
    Sin da quando era piccola voleva diventare un medico e aveva investito tutto su questo obiettivo, scegliendo di sacrificare ogni divertimento. Era considerata un modello, ammirata e rispettata, molto intelligente ma allo stesso tempo gentile: non se la tirava per niente.
    Aveva stabilito un piano dettagliato per la sua esistenza e lo stava portando avanti senza il minimo tentennamento, ma poi arrivò l'imprevisto. Non appena era riuscita a prendere la laurea e diventare medico, le venne una forma di cancro incurabile.
    Ancora oggi, quel forum è pieno dei suoi messaggi di quando aveva vent'anni e tornava dall'università, dai suoi bisticci con la coinquilina ai commenti sui fatti di cronaca, per arrivare ai vaneggiamenti su quello che avrebbe insegnato ai figli.
    Ha continuato a postare su Twitter e Instagram dall'ospedale finché ne aveva le forze, con la parrucca e la camera invasa di peluche, ninnoli, regali; ma oramai era tardi per svagarsi. Qual è stato il senso della sua vita?

    Inoltre a te è andata bene perché ti sei sbloccata, ma le cose sarebbero potute andare diversamente: cosa sarebbe successo se nonostante l'incitamento a non diventare una fallita, non ce l'avessi fatta? Come sarebbe oggi il rapporto fra te e le persone che ti dicevano quelle cose? Come vedresti te stessa?
    A me dici di lasciar perdere l'università e di cercare un lavoro umile a caso, ma tu avresti lasciato Ingegneria per andare a fare la bidella? Io non credo. Hai avuto una reazione emotiva, molto aggressiva anche solo a sentire di uno sconosciuto in tale situazione e sembri basare la tua autostima sul curriculum: non credo proprio che l'avresti presa con filosofia del tipo "ok sono una fallita, mi adatto a pulire i cessi per non poltrire, è quello che merito e anzi sono fortunata se qualcuno mi prende".

    Hai una visione del mondo molto rigida, schematica; le tue considerazioni sul mondo del lavoro sono corrette, ma non esiste solo quello.
    Qualcuno può avere una botta di fortuna perché si è liberato un posto e hanno necessità di assumere in fretta, qualcun altro può essere preso perché sta simpatico al datore di lavoro, qualcun altra perché è bella e il capo spera di farsela... Pochi si laureano in corso con 110 e lode, anche a DAMS, ma le strade non sono piene di falliti che chiedono le elemosina.
     
  5. L'avatar di Gigetta89

    Gigetta89 Gigetta89 è offline SeniorMessaggi 14,630 Membro dal Nov 2012
    Località Toscana
    #205

    Predefinito

    Quella ragazza faceva qualcosa per sè stessa.
    Aveva un obiettivo nella vita e si impegnava per realizzarlo,che poi secondo me è il senso stesso di stare in vita: avere obiettivi,spingersi a migliorarsi e godersi tutte le cose che accadono nel mentre.
    Pensi che abbia più senso la tua vita passata tra Netflix,videogiochi e paturnie?
    Capirei se tu avessi speso 15 anni di vita facendo il giro del mondo,paradossalmente avresti speso molto meglio i soldi dei tuoi genitori. O a bere e bisbocciare tutti i giorni con gli amici.
    Ma sei stato in casa a vegetare,senza fare nessuna esperienza di vita,senza goderti nulla,senza metterti alla prova in nulla,in una sofferenza continua.
    Anni spesi così non hanno il minimo senso e considerata la tua condizione ne butterai altri.

    Citazione Originariamente Scritto da Humidity Visualizza Messaggio
    Pochi si laureano in corso con 110 e lode, anche a DAMS, ma le strade non sono piene di falliti che chiedono le elemosina.
    Di casi estremi come il tuo ce ne sono veramente pochi ed è abbastanza ridicolo che tu ti paragoni a chi non si laurea con 110 e lode a 24 anni,quando la tua situazione non è di uno che si è laureato a trent'anni col minimo dei voti,ma di uno che ancora praticamente a trent'anni l'università non l'ha ancora cominciata.
    Non ti puoi paragonare a loro,perché tu sei in una situazione drammaticamente peggiore.

    Inoltre,le persone che citi secondo me hanno qualcosa che a te manca: il senso della realtà.
    Io stessa mi sono laureata in giurisprudenza a 27 anni,dovevo scegliere se fare pratica legale o molto banalmente se andare a lavorare,prendendomi il rischio di fare anche un lavoro umile.
    Ho fatto questa seconda scelta perché non trovavo dignitoso vivere ancora totalmente sulle spalle dei miei.
    Come me,molte delle persone che conosco, anche i più lavativi, ad un certo punto hanno avuto uno scatto di orgoglio e si sono dati una svegliata.
    Altri invece sono ancora sulle spalle dei fessi che li mantengono,ma è solo grazie a quei fessi che non sono a chiedere l'elemosina,non certo perchè nel mondo del lavoro ci sia speranza per tutti.
     
  6. maallorachesifa maallorachesifa è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 906 Membro dal Feb 2012
    Località Germania
    #206

    Predefinito

    In pratica secondo ciò che Han riportato non hai speranze. Quindi implicitamente credo che ti consiglino di mandare curriculum a cui tanto non riceverai risposta mentre cerchi di dare esami.
     
  7. L'avatar di Gigetta89

    Gigetta89 Gigetta89 è offline SeniorMessaggi 14,630 Membro dal Nov 2012
    Località Toscana
    #207

    Predefinito

    In realtà i consigli che gli sono stati dati sono stati piuttosto espliciti e credo che nessuno abbia cercato di indorare la pillola.

    Del resto quella che tu citi è una soluzione che sarebbe a costo zero rispetto a quello che lui già sta facendo.
    Non ricordo se esiste un'incompatibilità tra l'essere iscritti all'università e il potersi iscrivere ai centri per l'impiego per la disoccupazione.
    Nel caso in cui non ci fosse,potrebbe essere una strada da perseguire,perché spesso le province e le regioni organizzano corsi professionali per i disoccupati in base ai settori che tirano di più sul territorio.
    Quella potrebbe essere una strada da perseguire per iniziare ad arricchire il curriculum.
    Hurrem likes this.
     
  8. Humidity Humidity è offline PrincipianteMessaggi 65 Membro dal Sep 2020 #208

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da maallorachesifa Visualizza Messaggio
    In pratica secondo ciò che Han riportato non hai speranze. Quindi implicitamente credo che ti consiglino di mandare curriculum a cui tanto non riceverai risposta mentre cerchi di dare esami.
    Appunto. La stessa Gigetta che si poneva come donna realizzata, in carriera, salta fuori che ha preso la laurea in abbondante ritardo e si è trovata a fare un lavoro a caso. Quindi vuole rappresentare il mondo del lavoro in tinte apocalittiche per giustificare il suo fallimento.

    Devo prendere meno seriamente quello che viene scritto su internet.
     
  9. L'avatar di Simpas

    Simpas Simpas è offline Super FriendMessaggi 6,410 Membro dal Sep 2015
    Località Ignota
    #209

    Predefinito

    Umido l'unico "errore" di Gigetta, Hurrem e chiunque ti risponde seriamente dopo 15 pagine è che non ha capito che vuoi solo fare casino con le utenti donna probabilmente.
    Quindi again tu sei quello vergine, tu sei quello brutto, tu sei quello iscritto all'università da oltre 10 anni e che ha 30 anni da anni (vedi stesso utente e storia postata tempo fa), tu sei quello sociofobico, tu sei quello disoccupato e tu sei quello che vuole scopare, "attaccare gli altri in questo topic" non cambierà niente della tua vita perchè tu non vuoi fare nulla e nemmeno provare a socializzare con gli altri (che non costa nulla eh e non prevede un lavoro). I consigli li hai avuti ora o li metti in pratica o continui a trollare in questa discussione cercando di fare "casino" con chi ti risponde e amen.
    Not all for one but one for all.
     
  10. maallorachesifa maallorachesifa è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 906 Membro dal Feb 2012
    Località Germania
    #210

    Predefinito

    Gigetta, Hurrem. Non può frequentare i corsi di cui parli se è iscritto all'università. Cercare lavoro si ma io mettevo l'accento sulla carica che gli avete dato, oltretutto che soffre di fobia e ansia sociale. Adesso si sente molto giudicato. Per chi soffre di questo problema il giudizio degli altri e della società è veramente invalidante e paralizzante. Secondo voi ora manda curriculum? Se prima poteva averne una vaga idea adesso se l'è tolta dalla testa.
    Se volete che le persone seguano o vostri consigli perchè volete fare del bene a chi consigliate, un po' di semplice psicologia da supermercato secondo me sarebbe basterebbe. E cercare di intuire quello che scrive chi state leggendo. Perchè la terapia d'urto che li avete fornito non va bene per la sua tipologia di pensieri, non lo sbloccherete dandogli una dura realtà messa in faccia in modo così netto e giudicante. La dura realtà si può scrivere senza giudicare quando davanti si ha una persona che soffre in modo troppo pronunciato il giudizio della società.
    passerosolitario84 likes this.