Voglia di cambiare, anzi, fame di cambiare

Discussione iniziata da hamtaro il 30-07-2020 - 9 messaggi - 865 Visite

Like Tree2Likes
  • 1 Post By rabe
  • 1 Post By StefiTokio
  1. hamtaro hamtaro  offline ApprendistaMessaggi 237 Membro dal Jun 2018 #1

    Predefinito Voglia di cambiare, anzi, fame di cambiare

    Buongiorno a tutti,

    ne approfitto per un piccolo sfogo.
    Non ce la faccio pi, non sopporto pi il mio lavoro. Mi ritrovo a quasi quarant'anni completamente insoddisfatto, demotivato, con tanta voglia di cambiare. Sono fortunato, non lo metto in dubbio, ad avere un lavoro a tempo indeterminato abbastanza sicuro soprattutto in questi tempi nei quali il famoso virus sta mietendo posti di lavoro oltre che vittime.
    E da quando cambiato il capoufficio mi sembrava di aver visto un barlume di luce, un nuovo stimolo, forse una crescita... ma mi ritrovo comunque demotivato, privo di voglia di poter cogliere anche solo l'illusione di una nuova opportunit.
    Mi chiedo se questo che voglio fare per sempre, tutti i giorni per 8 ore o pi, murato dentro un ufficio che non cos male, ma che non mi rispecchia.
    Vorrei un anno sabbatico, proprio ora dove non si pu neanche girare il mondo, cosa che ho sempre fatto, purtroppo, poco. Uscire e camminare, per i monti, verso Roma, verso Santiago, guardarmi intorno, cercare una direzione. Lo so che un problema comune a molti e ammiro chi riesce a caricarsi le spalle di pesi, a lavorare a capo basso per mantenere una famiglia... ma io una famiglia, intesa come moglie e figli, ancora non ce l'ho. Ho una fidanzata, ma non ho un mutuo. Non ho debiti. E se la tirassi per le lunghe, quando avr un mutuo da pagare ogni mese per anni e una famiglia da mantenere come potrei fare?

    Chi, come me, nella situazione di voler urlare basta?


     
  2. L'avatar di _Cristallina_

    _Cristallina_ _Cristallina_  offline FriendMessaggi 4,342 Membro dal May 2013
    Localit Italia
    #2

    Predefinito

    Addirittura urlare...Cercane un altro, che rispondere...
     
  3. L'avatar di antonio60

    antonio60 antonio60  offline JuniorMessaggi 2,039 Membro dal Mar 2020 #3

    Predefinito

    Dipende da che lavoro fai, che specializzazione hai, quanto vuoi metterti in gioco. Da questo discende il fatto di avere pi o meno alternative.
     
  4. hamtaro hamtaro  offline ApprendistaMessaggi 237 Membro dal Jun 2018 #4

    Predefinito

    Il mio uno sfogo... razionalmente difficile, ma anche dura arrivare la domenica sera col magone e cercare di far tardi per allontanare la sveglia del giorno dopo...
    A volte bisogna accontentarsi, altre volte si vorrebbe cambiare strada... ma lasciare la via vecchia per quella nuova dura e ci vuole coraggio... e spesso si sbaglia.

    Qualcuno qui ha avuto il coraggio di cambiare totalmente facendo un salto nel buio in non pi tenerissima et?
     
  5. L'avatar di rabe

    rabe rabe  offline MasterMessaggi 29,947 Membro dal Aug 2010 #5

    Predefinito

    Si, io diverse volte.
    Cambiando spesso anche citt, stato e professione.
    L'ultima volta a 43 anni.
    Ho cambiato completamente settore e ruolo. Sono ripartita da zero.
    StefiTokio likes this.
    Campionessa
    Megatorneo Panamandiano
    Covid - 19

    Muta il destino lentamente,

    ad un'ora precipita.




    (U.Saba)
     
  6. L'avatar di sele57

    sele57 sele57  offline Super SeniorMessaggi 18,305 Membro dal Apr 2008
    Localit nel paese dei sogni
    #6

    Predefinito

    se non ti piace il lavoro che fai..prima ti cerchi il lavoro che vuoi fare e poi ti licenzi...altrimenti va a finiere che vai a finire nella lista dei disoccupati....
    Al ul bighe no cjavei

    e ognun al bale con so agne

    "A v il mors 'e j una crs, a no vlu a' son ds"

    Une biele femine 'e j il parads dai vi, l'infir da l'anime e il purgatori dal tacun"
     
  7. StefiTokio StefiTokio  offline PrincipianteMessaggi 66 Membro dal Aug 2020
    Localit Asia
    #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da hamtaro Visualizza Messaggio
    Il mio uno sfogo... razionalmente difficile, ma anche dura arrivare la domenica sera col magone e cercare di far tardi per allontanare la sveglia del giorno dopo...
    A volte bisogna accontentarsi, altre volte si vorrebbe cambiare strada... ma lasciare la via vecchia per quella nuova dura e ci vuole coraggio... e spesso si sbaglia.

    Qualcuno qui ha avuto il coraggio di cambiare totalmente facendo un salto nel buio in non pi tenerissima et?
    Mi sono buttata in un nuovo lavoro in un altro continente a 35 anni. Uscire dalla comfort zone stata forse la cosa pi intelligente che abbia mai fatto nella mia vita. A volte stato, ed ancora, molto difficile. Ma la possibilit di vivermi certe esperienze e di mettermi alla prova tutti i giorni, impagabile. Per fare questo, ognuno di noi ha bisogni diversi. Io sono dovuta andare dall'altra parte del pianeta. A ognuno il suo.

    Posso, per, dirti che siamo il frutto delle nostre scelte. E delle nostre non scelte.
    Se quello che fai ti fa schifo e ti fa stare male, beh... Cerca a tutti costi un'alternativa migliore. Se ci si sbatte e si ha il coraggio di mettersi in gioco, si trova.
    L'impegno molto spesso paga.
    norge likes this.
     
  8. maallorachesifa maallorachesifa  offline Super ApprendistaMessaggi 949 Membro dal Feb 2012 #8

    Predefinito

    so cosa vuol dire stringere i denti facendo un lavoro che non piace. Stringere i denti tutta la vita si fa quando non si pu fare altrimenti (io ad esempio che vengo considerata solo per fare la cameriera per sostituzioni essendo sempre cestinata per altri ruoli) ma se hai la possibilit prova a fare altri colloqui. Non si pu stare male tutta la vita per il lavoro, se ne muore lentamente. Io ne sono un esempio.
    Dovresti per avere la fortuna di farti fare un indeterminato subito, perch altrimenti lasciare il sicuro per l'insicuro non so se in quest'epoca sia tanto intelligente.
     
  9. liz23 liz23  offline JuniorMessaggi 1,742 Membro dal Jan 2013 #9

    Predefinito

    Mi sento come te.
    Ma non ho il coraggio di cambiare.
    E se poi finisco peggio?
    Ovviamente dovrei trovare una posizione altrettanto stabile, altrimenti chi lo spiega ai miei che a 33 anni non posso andare a vivere da sola? Chi lo spiega al mio ragazzo che non posso fare un mutuo?
    Ma ogni giorno mi sveglio con l'angoscia ormai e domeniche le vivo malissimo.
    Mi ripeto che sono tra i fortunati ma non ci credo nemmeno io...